Category Archives: Newsroom

  • 0

  • 0

  • 0

  • 0
macbook-925914_960_720

Vino: come comunicarlo?

Tags : 

Oggi parliamo di vino, uno dei settori che stanno andando per la maggiore e che sempre più ha bisogno di essere (ben) comunicato. Ecco, dunque, alcune pillole per massimalizzare l’efficacia dei nostri contenuti sui social media.

Mai perdere la bussola

Avere ben chiaro il settore di riferimento, l’identità del prodotto e gli obiettivi da raggiungere è la condizione necessaria per poter avviare una seria campagna di comunicazione. Leggiamo bene questo articolo per conferire solide basi al nostro progetto.

Raccontami una storia

Nella stagione dello storytelling, quale miglior strategia si adatta al racconto della bevanda più densa di echi storici, artistici e letterari? Largo, dunque, ad un approccio narrativo per emozionare i nostri lettori!

#SoloCoseBelle, grazie!

Vogliamo raccontare uno dei settori più di tendenza (un bene spesso e volentieri di lusso) con foto dalle inquadrature bizzarre, dai colori spenti, che evocano un indefinito senso di tristezza soltanto a guardarle? Ricordiamo che anche le foto fanno parte del racconto, concorrono a creare emozioni, soprattutto oggi, in cui i contenuti visual prevalgono sugli altri. Dunque scegliamo soltanto i nostri scatti migliori, per metterli in vetrina, e se non siamo nati con un talento naturale per la fotografia, coinvolgiamo professionisti del mestiere. Il lavoro in team è sempre raccomandabile!

Dimmi qualcosa che non so…

Analogamente alle immagini, anche i contenuti scritti che andiamo a condividere devono evadere dal banale. A questo scopo, se non siamo sommelier, pur apprezzando il buon vino, ci può tornare utile una proficua collaborazione con esperti del settore.

 


  • 0

  • 0

  • 0
personal-2923048_960_720

Gli “evergreen” del Social Media Management

Tags : 

Nuovi social nascono e quelli esistenti acquistano e perdono popolarità, le funzioni evolvono, così come gli algoritmi.
In questo scenario, è necessario dotarsi di alcuni punti cardinali, come spiega la content strategist Tanya Cramp di Simply Measured, che ci regala tre consigli fondamentali.

Non perdere d’occhio la tecnologia, ma non trascurare le relazioni

Un buon social media manager deve essere aggiornato su tutte le novità di carattere tecnologico, ma il vero engagement proviene da una ben più complessa e “umana” fidelizzazione della propria community. Un sapiente mix di relazioni umane e tecnologia, è dunque la ricetta fondamentale per il successo.

Utilizza i formati che oggi funzionano di più oggi, come i video

È tempo di riporre penna e calamaio, perché la comunicazione oggi passa attraverso contenuti di forte impatto visivo. Largo, dunque, ai formati visual, immagini e video in primis, da mettere al top della nostra content strategy.

Rispetta le “regole de gioco” di ogni social e della sua comunità

Facebook non è Twitter, non è Instagram, non è YouTube. Ogni social media è dotato di regole e e stili di comunicazione propri, che un bravo social media manager deve conoscere. Ma oltre questa competenza, è richiesta una conoscenza approfondita della community di riferimento di ciascun social. Soltanto destreggiandosi in questa rete di mezzi e dinamiche è possibile ideare la content strategy ideale per il proprio cliente.


  • 0

  • 0

Moretto (PD): “Dal Ministero i fondi per il restauro della torre campanaria del Duomo. Risultato eccellente che pone fine ad un problema di sicurezza”

Tags : 

L’on Sara Moretto del Pd,  candidata nel collegio uninominale Veneto 0-1 “San Donà di Piave” e nel collegio plurinominale che interessa l’intera area metropolitana di Venezia e 11 comuni della provincia di Treviso, ha espresso viva soddisfazione per l’inserimento, da parte del comitato tecnico scientifico del Mibact, dell’intervento di restauro della torre del Duomo di Sant’Andrea nel piano di investimenti di 597.058.875 milioni di euro per il patrimonio culturale italiano. “Ho posto al Ministero e alla Soprintendenza il problema della torre di Portogruaro – ha commentato – attraverso lettere e proposte di emendamento alle leggi di bilancio. Finalmente il Mibact ha raccolto queste segnalazioni e ha finanziato l’intervento di restauro della torre, stanziando ben 4milioni 200mila euro. Si tratta di un risultato tangibile che affronta un problema irrisolto da anni. Con queste risorse – ha concluso – si potrà recuperare e mettere in sicurezza un bene simbolo della mia città”.


  • 0

Il cibo spaziale in mostra a Vicenza: nel weekend laboratori per bambini e famiglie per scoprire cosa mangiano (e cosa mangeranno) gli astronauti

Tags : 

Il cibo degli astronauti e il cibo del futuro a base di… insetti! Saranno questi i protagonisti delle attività del secondo weekend della mostra SPAZIALE!, organizzata da Pleiadi – società leader nel campo della divulgazione scientifica – per il centro commerciale Palladio di Vicenza. Dopo il successo dello scorso fine settimana, con oltre settecento visitatori accorsi per visitare il planetario itinerante GLOBE, sabato 17 e domenica 18 marzo  gli organizzatori prenderanno i bambini per il palato!

Nella giornata di sabato i partecipanti potranno partecipare al laboratorio “Conosciamo il cibo degli astronauti” (dalle 10 alle 18, a cadenza oraria). Un “astroscienziato” illustrerà i principi dell’evoluzione delle tecniche di conservazione degli alimenti, le problematiche delle missioni spaziali e i retroscena della vita in presenza di microgravità. Seguirà la degustazione a base del vero cibo usato dagli astronauti durante le missioni.

Domenica invece saranno protagonisti delle attività Galleria mellonella, Acheta domesticus, Schisto cerca gregaria, Larva tenebrio molitor, tutti insetti che saranno presentati nel laboratorio “(G)Astronomia Spaziale –  Il cibo del futuro parte per lo spazio”, cooking show tutto da scoprire in collaborazione con Entonote, associazione culturale che si occupa di comunicazione e organizzazione eventi per parlare di “insetti commestibili” (dalle 16 alle 18).

Ma non basta: durante il weekend restano aperti e visitabili gli exhibit interattivi della mostra SPAZIALE!, ideati per far scoprire il volo e lo spazio: dal tappeto volante alla missione Apollo 13, dal tubo del vento al razzo per andare in orbita. Tutti studiati e realizzati secondo il metodo Pleiadi, che stimola la curiosità per arrivare alla comprensione attraverso un processo di sperimentazione e interazione pratica. All’interno della mostra trovano spazio anche le gigantografie di “Light in The Dark”, esposizione fotografica sull’Universo.

La mostra SPAZIALE! è visitabile gratuitamente, dal lunedì al venerdì dalle 14.30 alle 18.00 e per tutta la giornata nel fine settimana. Sarà sempre possibile partecipare al concorso “Oltre il Limite”: a ciascun visitatore verrà consegnato un foglio in cui descrivere i limiti che infrangerà l’uomo nel prossimo futuro. I 5 vincitori  riceveranno il biglietto d’ingresso ad “Aerogravity”, il più grande simulatore di caduta libera al mondo e a “Volandia”, parco e museo del Volo. La premiazione si svolgerà domenica 25 marzo alle ore 18.30 nella piazza del centro Palladio.

Le attività non mancheranno neanche il weekend successivo: sabato 24 e domenica 25 marzo, dalle 10.00 alle 18.00, sarà disponibile il simulatore di assenza di gravità. Tutte le attività sono gratuite, è consigliata la prenotazione su Eventbrite.